Mese: gennaio 2019

Vicky’s eyes

Vicky è una bellissima bambina di 5 anni che vive a Londra, anche se la sua famiglia ha origini italiane. La sua mamma e il suo papà cercano di portarla a vedere tutte le meraviglie del mondo, quante più cose possibili ora che può, e per questo viaggia tanto. Spesso porta gli occhiali ma lei non li vuole indossare, perché dice che senza è più bella. Ma gli occhiali sono per lei essenziali perché la piccola Vicky è affetta da una rara malattia genetica, a causa della quale giorno dopo giorno sta perdendo la vista. Ha una malattia rara infantile che colpisce due bambini ogni 100mila, la amaurosi congenita di Leber, legata a un difetto genetico: la mancanza del gene Rdh12. Una cura al momento non c’è, ma la speranza della sua incredibile e coraggiosa mamma Silvia è nella ricerca: serve una cura genetica. Ed è alla ricerca di fondi per finanziare la ricerca e permettere alla figlia di continuare a vedere che Silvia sta dedicando la sua vita.

Così crea il progetto Vicky’s eyes, un progetto di ricerca triennale guidato dal dottor Mariya Moosajee in collaborazione tra la University College London (UCL) e il Moorfields Eye Hospital a Londra (l’ospedale oftamologico piu grande d’Europa). Per finanziarlo ha lanciato una raccolta fondi in crowdfunding: https://www.justgiving.com/crowdfunding/vickyseyes
In questo modo chiunque può fare una donazione alla causa ed aiutare questo piccolo angelo e la sua famiglia.

Seguivamo la storia della piccola Vicky gia da qualche anno, tramite facebook, molto prima della nascita del progetto Re-Belle Box. Vederla andare in giro e esplorare il mondo riempie di gioia e al tempo stesso da una stretta al cuore. Uno dei viaggi che le ha regalato tanti sorrisi ed emozioni è stato in un posto magico, che lei sognava da tempo di visitare: Disneyland a Parigi. Per questo motivo abbiamo deciso di legare questa box a tema fiabe, favole e magico periodo del Natale, al progetto Vicky’s Eyes. Siamo felici di poterlo sostenere nel nostro piccolo con una donazione e con l’invito a voi a parlarne, a far girare questa iniziativa il più possibile e a fare a vostra volta una piccola donazione, per aiutare la piccola Vicky e la sua famiglia in questa lotta contro il tempo.

Seguitela su instagram qui:
@vickyseyes
E se volete aiutare a far girare il crouwfounding potete realizzare anche un #vselfie. Consiste nello scattarsi una foto, un selfie, formando una V con le dita e abbracciando con questo simbolo uno dei due occhi.

Casa delle Donne di Bologna

La Casa delle donne per non subire violenza è un luogo dove le donne possono confrontarsi con il problema della violenza, trovando uno spazio di ascolto e di sostegno alle loro scelte.

Nell’estate del 1985 a Bologna vi furono due casi di stupro contro tre ragazze minorenni. Alcune assemblee convocate presso il “Centro di documentazione delle donne” diedero origine a un dibattito sulla violenza contro le donne, che evidenziò la carenza di strutture in città per quelle che subivano una qualsiasi forma di violenza. Un gruppo di donne proveniente dal movimento delle donne e dal femminismo cominciò a incontrarsi regolarmente. Il discorso si allargò poi dallo stupro alla violenza intrafamiliare. Si elaborarò una proposta, da presentare agli Enti locali, per aprire una struttura cittadina in grado di accogliere e aiutare concretamente le donne che subiscono violenza, con le/i loro bambine/i.

L’associazione è nata nel 1990 e nel 2010 ha ottenuto il riconoscimento giuridico. Nelle Case rifugio le donne possono trovare ospitalità sole o con i/le loro figli/e minori durante il percorso di uscita dalla violenza.

Attualmente l’associazione gestisce 3 Case rifugio (16-18 posti letto), 8 piccoli appartamenti di seconda accoglienza per piccoli nuclei, e Casa Save, Casa rifugio di emergenza con 6/9 posti letto.
Dal 1995 è attivo il Progetto Oltre la strada, finalizzato ad offrire accoglienza alle donne straniere vittime di tratta ai fini di prostituzione e sfruttamento lavorativo, con la disponibilità di una struttura residenziale protetta (12 posti letto) che ospita le donne e le segue nel percorso di inserimento sociale, legale, sanitario e lavorativo.
Tutti i servizi offerti sono gratuiti.

Trovate maggiori info sul meraviglioso lavoro della Casa
delle Donne qui: http://www.casadonne.it/
Per donazioni: IBAN: IT73M 07601 02400 000032732547
intestato a Casa delle donne per non subire violenza.

Pepitosa in Carrozza

Re-Belle box con Pepitosa!

Ciao a tutte, sono Valentina Tomirotti! Sono una donna in carrozzina, diversamente abile, che ha pensato di fare qualcosa di utile per tutte le persone con problemi di deambulazione e costrette a muoversi sempre in sedia a rotelle. Ho fatto di tutto per raggiungere l’autonomia quasi totale, e per questo combatto ogni giorno contro le barriere architettoniche, contro tutti quegli ostacoli che impediscono alle persone come me di poter vivere in modo dignitoso. Amo viaggiare, e il mio principale compito sarà recensire i luoghi che visiterò in base alle necessità delle persone diversamente abili… viaggiando, potrò raccontare tutto quello che funziona oppure no in giro per il mondo.

Scriverò una guida che possa essere un valido aiuto per le vostre vacanze e per i viaggi di tutti coloro costretti a vivere sulle rotelle. Testerò tutti i percorsi nei minimi particolari e mi muoverò esclusivamente in automobile, un mezzo che ho fatto appositamente allestire in modo da poterlo condurre direttamente sulla carrozzina, senza altre laboriose manovre. Il mio obiettivo è essere la prima travel agents al mondo a favore di tutti i diversamente abili.

Le prossime mete che ho scelto sono previste per il 20 Gennaio 2019, e si tratta delle seguenti città: Milano, Napoli, Roma e Firenze.
Prima di questa fatidica data ce ne saranno altre non meno importanti, secondo l’ordine seguente:
15 Ottobre 2018; acquisto delle auto e allestimento apposito per la guida sulla carrozzina;
30 Novembre 2018; conseguimento della patente di guida;
20 Gennaio 2019; viaggio inaugurale di ‘Pepitosa in carrozza’;
10 Dicembre 2019; uscita della prima guida di ‘Pepitosa in carrozza’ con tutte le recensioni per i disabili riguardo l’abbattimento delle barriere architettoniche

Il mio progetto è molto importante e permetterà a tutti gli operatori turistici di migliorare le proprie strutture in base alle esigenze non solo dei normodotati, ma anche per noi, che abbiamo bisogno di scivoli, di ingressi allargati, di appositi corrimano.

Puoi sostenere il meraviglioso progetto della super Valentina tramite una donazione qui:
IT52A0538757820000001317188 intestato a Valentina Tomirotti
Mai come questa volta possiamo dire: #girlscandoanything!