Ashuii Backstage :D

Dietro ogni Re-Belle Box c’è, prima di tutto il lavoro manuale, un grandissimo e lunghissimo lavoro di ricerca, studio e coordinazione. Bisogna cercare di mixare bene tutto secondo il tema, trovare le artiste giuste, le storie giuste, oggetti con gli ingombri giusti, far quadrare il budget e le tempistiche.

Oggi vi vogliamo raccontare la storia che c’è dietro quest’illustrazione meravigliosa che abbiamo scelto come protagonista del tema del mese di Gennaio, per farvi capire che qui al quartier generale, anche dietro le cose che sembrano più semplici e scontate, si nascondono grande impegno, determinazione e anche tante risate e che già solo la scatola ha un grande valore: portare qui in Italia questa incredibile illustrazione è stata un’odissea! 😀

Avevamo una lista di nomi a cui poter commissionare l’illustrazione portante di questa box e io avevo bene in mente come doveva essere: espressiva, delicatissima, emozionante, ma allo stesso tempo semplice. Una sera, a letto, gironzolando su instagram mi imbatto per caso nel profilo di Ashuii, questa artista cinese eccezionale, di cui mi innamoro subito e penso: ‘wow! potrebbe essere perfetta per realizzare quello che ho in mente, la aggiungerò alla lista delle ragazze a cui proporre il lavoro’.

Continuo a scorrere la gallery e la vedo: LEI. L’illustrazione che avevo in mente esisteva già e ce l’avevo davanti. Resto folgorata dalla sua perfezione e mi viene la pelle d’oca perché sembra un vero segno del destino. La mattina dopo avrei scritto ad una delle artiste selezionate in precedenza per commissionare il lavoro. Innamorata persa decido di scrivere subito una mail all’artista, clicco su “invia mail” dai pulsanti del suo profilo e mi ritrovo uno stranissimo indirizzo fatto di numeri e lettere ma con una @ e un .com alla fine. Penso:  ‘Vabbeh, lei è in Cina, magari lì si usa un sistema mail diverso’, scrivo un poema lunghissimo in inglese perché devo spiegare a lei, cinese, il nostro progetto che a volte fatico a spiegare in italiano. Faccio tardissimo ma abbiamo poco tempo e so che il fuso orario è un grande ostacolo, invio e mi addormento serena e soddisfatta.

Passano un paio di giorni e non riceviamo risposta. Le scrivo un DM su instagram, fiduciosa. Niente. Sembra inattiva da un po’ e mi rendo conto che posta molto poco, quindi probabilmente usa poco i social. Ok, niente panico, risponderà alla mail. Vuoto cosmico. Il giorno dopo, quando qui è ora di andare a dormire pubblica un nuovo lavoro, ma non ha mai letto il DM: non importa, è il mio momento! Le scrivo sotto il post di averle inviato la mail, e lei mi risponde sempre sotto al post dopo qualche ora. Vedo la notifica e sono felicissima… ce la stiamo facendo! Ma apro e mi si spezza il cuore: non ha ricevuto nulla, chiede di riscriverle siamo punto e a capo. (se sbirciate nella sua gallery troverete questa conversazione 😀 )

L’altra Re-Belle Girl, più ansiosa e posata, propone di scrivere a qualcun altra delle ragazze selezionate e commissionare un nuovo lavoro, ma io notoriamente testarda come un mulo e determinatissima quando mi innamoro di qualcosa non mollo. Intanto rimando la mail, ma quell’indirizzo così strano continua a puzzarmi. Faccio un po’ di ricerche con traduttore alla mano e scopro che non è una mail, ma un indirizzo legato ad un’app di messaggistica: è il whatsapp cinese. “Ci siamoooo, che ci vuole, scarichiamo l’app e scriviamole lì è anche meglio con la messaggistica istantanea possiamo spiegarci e capirci più facilmenteeeeee!” Sono gasatissima, mentre l’altra Re-Belle mi guarda malissimo e inizia a sudare, io sono già sull’apple store. L’app esiste, scarico e per iscrivermi dall’Italia passo circa due ore perché è difficilissimo. Non mi arrendo, ci riesco… lo apro e sento già We are the Champioooooons in sottofondo che risuona. Invece la canzone si interrompe bruscamente: l’app è completamente in cinese, non si capisce un tubo e anche col traduttore non riesco a capire come cercarla, cosa fare, cosa premere. Ci perdo qualche ora ma niente. L’altra Re-Belle disperata non mi sopporta più e apre la mail: “basta ora scrivo e commissiono un’altra illustrazione”. Sto per cedere  e anche io mi avvicino al mac, ma all’improvviso il colpo di genio e follia: scappo di corsa senza dire dove vado, ma le prometto: “se non tornerò vincitrice, scriveremo immediatamente per commissionare il lavoro”.

E, ragazze sono tornata vincitrice, ci ho parlato e ho acquistato il lavoro. Come ho fatto? Qui vicino c’è un ristorante cinese, dove lavora un ragazzo molto giovane che vedo spesso smanettare col cellulare quando sta in pausa. Sono andata da lui e gli ho raccontato la storia. Conosceva l’app e ha gentilmente fatto da mediatore e traduttore, tra risate e chiacchiere in tre, siamo riusciti aportare in Italia questa meraviglia! Ashuii è una ragazza dolcissima, ancora oggi conservo l’app sul cellulare e ogni tanto ci scriviamo! Non mollate mai ragazze, nelle piccole e grandi cose, impegno e determinazione ripagano sempre. Ora, ancora di più, non potete perdervi questa box di Gennaio, che è speciale già a partire dalla sua confezione 😉

GIRLS CAN DO ANYTHING

Potete prenotare il cofanetto, dedicato alle Eroine Letterarie più amate di sempre, cliccando qui

Contiene la nuova edizione di Piccole Donne di Salani Editore + altri 5 oggetti d’arte al femminile in tema.